Valerio Malorni workshop

WORKSHOP VALERIO MALORNI

PUBBLICO/PRIVATO
una proposta di percorso per attori a cura di Valerio Malorni

Tra le tensioni personali che dilagano e i legami collettivi che stentano a realizzarsi, là fuori non c’è più una società: qui dentro, in teatro, allora, possono e devono esserci persone prima che attori , persone capaci di immaginare ponti.
Cittadini che rilanciano un tempo pubblico di creazione di rapporti, tra se stessi e il mondo, tra palco e platea, tra il teatro e la società, tra realtà e possibilità.
Artisti capaci di produrre un movimento. Tra il bagliore di un intimità e il nodo di ogni legame costruire nidi, capanne, continenti.
In questa prospettiva, trovo urgente e interessante comporre un percorso che crei pensieri e visioni, azioni e prese di posizione attorno al tema pubblico-privato, o meglio, sulla soglia del confine tra il pubblico e il privato, per portare alla luce una sensibilità tutta umana che porti calore ad ogni rappresentazione. Nemmeno l’asfalto ferma l’erba che sta per nascere, ma basta un cartello per non far calpestare un prato.

Valerio Malorni
Attore, danzatore, autore e regista. Diplomato alla Scuola di Informazione Teatrale di Mario
Scaccia, prosegue il suo percorso di formazione scegliendosi i suoi maestri, dentro e fuori dal
territorio nazionale (tra cui Anton Milenin, Jean-Paul Denizon, Vladimir Oshlansky, Khosro
Adibi, Dejà Donnè e Julyen Hamilton).
Recita in spettacoli e performance in Italia, tra cui “Metafisico Cabaret” e “Paradiso” di Giorgio
Barberio Corsetti. Tra i suoi titoli Con chi, Lo sato di saluto, L’uomo nel diluvio, Nessuno può
tenere Beby in un angolo. Fondatore con la Bluedesk_studio della compagnia
Amendola\Malorni, è parte del Teatro delle Apparizioni e collabora con Frosini Timpano,
Areté Ensemble, Terre Vivaci, La Bottega del Pane, e altre realtà italiane. Partecipa a
cortometraggi indipendenti. Laureato in Arti e Scienze dello Spettacolo all’Università La
Sapienza di Roma, è parte del gruppo di ricerca di Pedagogia dell’espressione all’Università
di Roma Tre. Collabora con la Casa dello Spettatore e conduce laboratori di teatro per
l’infanzia e in ambito sociale.

ISCRIZIONI E MODALITA’ DI SELEZIONE:

Il laboratorio è riservato agli iscritti all’Accademia di recitazione, regia e drammaturgia STAP Brancaccio.

PERIODO E DURATA:

Il workshop si terrà dal 25 al 28 giugno 2018 dalle ore 09.00 alle ore 17.00

Presso la sede dell’Accademia Stap Brancaccio , Via di Acqua Bullicante, 133 – Roma