recitazione adulti STAP

CORSO DI RECITAZIONE ADULTI – PRINCIPIANTI

Il laboratorio di recitazione.
Il lavoro  teatrale è un lavoro continuo su se stessi e con gli altri.
Nel laboratorio si chiede di mettere in gioco la propria fantasia, di essere autoironici, scoprire la propria comicità, esprimere la propria sensibilità, condividere emozioni forti, commuoversi e divertirsi, un percorso che cerca l’autenticità in scena e non solo… perché come diceva Edoardo De Filippo: “Nel teatro si vive sul serio quello che gli altri recitano male nella vita.”.
Nel laboratorio ci sono 5 fasi di lavoro:
Prima fase: Costruzione del gruppo (giochi di relazione, ascolto, fiducia, percezione di essere un corpo unico)
Seconda fase : Lavoro sull’improvvisazione  (improvvisazione libera, su tema, con oggetti, senza parole, con una lingua inventata, su testi teatrali)
Terza fase: Studio dei conflitti  comici e drammatici
Quarta fase:Incontro con la drammaturgia (classica e contemporanea) per studiare la costruzione del personaggio e le dinamiche teatrali
Il lavoro si articola su tre tematiche fondamentali:
Sensibilità – Relazione-Conflitto
 Lavoro sulla sensibilità
La sensibilità è la capacità di ascoltare se stessi e l’altro sospendendo il giudizio e lasciandoci meravigliare. Liberare la propria sensibilità significa cercare il proprio sguardo, la propria voce, il proprio mondo onirico e riuscire ad ascoltare l’altro e accettare la sua diversità.
Lavoro sulla relazione.
Il teatro è relazione, scambio, dialogo con se stesso, con l’altro, con il pubblico
La parte iniziale e centrale del laboratorio sarà incentrata proprio sulla relazione prima attraverso esercizi propedeutici e giochi teatrali, poi attraverso l’improvvisazione semplice e strutturata ed infine analizzando le relazioni dei personaggi dei testi presi in esame.
Lavoro sul conflitto.
Non c’è teatro senza conflitto, il conflitto è il motore dell’azione scenica, della rivelazione dei personaggi, della costruzione drammatica e comica. Giocare con il conflitto partendo dal conflitto con sé, con l’oggetto, con l’altro e poi attraversare le situazioni conflittuali della drammaturgia classica e contemporanea.
DOCENTE: TIZIANA SCROCCA
FREQUENZA:   monosettimanale da ottobre a giugno
DURATA LEZIONE:      2 ore
GIORNO E ORARIO:    mercoledì h. 20.30-22.30
SEDE:   Teatro Brancaccio – via Mecenate, 2
COSTO MENSILE:        € 90,00
ISCRIZIONE ANNUALE:           € 50,00